Autore: Ornella

Momo

L’ho trovata un caldo mezzogiorno di giugno di due anni fa; per la verità me l’hanno letteralmente messa in mano dei turisti stranieri che aggirandosi per la piazza assolata l’avevano trovata in un angolo vicino alla chiesa. Era sola, piccola, non si muoveva, e sarebbe sicuramente morta se loro non l’avessero raccolta. L’unico negozio aperto […]

Leggi tutto

Due sorelle

Sofia Oggi mia sorella Virginia si sposa. Sposa il mio fidanzato, Paolo. Dovevo sposarlo io il Paolo, ci conosciamo fin da bambini, e ci siamo fidanzati quando avevamo 15 anni io e 18 lui. Ci siamo promessi, come si dice, e facevamo progetti, una casa tutta nostra, con il giardino, e un cane per far […]

Leggi tutto

Villa Mafalda

Una vecchia villa sulla scogliera, isolata e spazzata dal vento dell’oceano. Una pensione vecchio stile, dove vari personaggi si ritrovano per un periodo di vacanza e dove accadrà un mistero da risolvere.   L’arrivo dei primi ospiti L’automobile correva veloce su quelle strade di campagna terrose, sollevando dietro di sé una nuvola di polvere. Sulla […]

Leggi tutto

La banda del Campo

Settembre, inizia la scuola

Quel lunedì avevamo ottenuto il permesso dalle nostre mamme, sorelle fra di loro, di andare a scuola a piedi da soli. I nostri fratellini no, erano troppo piccoli, ma noi dopo una settimana avevamo iniziato a scalpitare, eravamo grandi ormai, non volevamo più avere le mamme, o chiunque altro, che ci accompagnasse a scuola. Così quella mattina mi ero presentata davanti alla porta dei miei due cugini, Federico e Sergio, e li avevo trovati già pronti con gli zaini in spalla. Uscendo abbiamo incontrato anche le sorelle dell’ultimo piano, Daniela, Sonia e Manuela, e tutti in gruppo ci siamo avviati verso scuola. Federico ed io frequentavamo la quinta, Sergio la terza, e le tre sorelle in scala dalla terza alla quinta. Nel nostro palazzo vivevano anche altri bambini, alcuni dell’età dei nostri rispettivi fratelli altri più o meno della nostra. Quando non eravamo a scuola ci ritrovavamo in giardino o nel vicino campo giochi, che noi chiamavamo semplicemente “il campo”. Era il nostro mondo, il nostro “tutto”.

Leggi tutto

L’abito da sposa

La donna era ferma alla guida della sua automobile, bloccata da un ingorgo al semaforo che, malgrado fosse verde, non lasciava passare nessun veicolo. Ascoltava un brano di musica classica alla radio, e lasciava vagare i suoi pensieri, senza troppo preoccuparsi del traffico. Non aveva fretta, non stava andando a nessun appuntamento importante, quindi poteva […]

Leggi tutto

La chat

Maria stava attraversando il parco cittadino, osservando le bellissime aiuole fiorite che punteggiavano di colore i prati. Era una bella giornata di primavera, il sole già caldo, il lago pieno di barche a vela, di cigni e papere che vagavano placide sulle acque calme. Maria ripensava agli ultimi mesi, a quando, rimasta sola dopo che […]

Leggi tutto

La telefonata

Sabato sera, ore 20 circa. Il cellulare suona: – pronto? – – pronto, ciao, c’è Paola? – – no guardi qui non c’è nessuna Paola, deve aver sbagliato numero – – ah, scusi… ma non è il ….? – – no, questo è il ….. – – ah mi scusi ancora, buonasera – Sabato sera, […]

Leggi tutto