“Nessuna forma restava immutata e l’una cosa si opponeva all’altra, perché nello stesso corpo il freddo combatteva con il caldo,
il bagnato con l’asciutto, il molle col duro, il peso con l’assenza di peso.”

(Ovidio: Metamorfosi, 1 canto)